Translate it!

martedì 24 febbraio 2015

Beschuit met muisjes

Questo finesettimana è nata la figlia di uno dei miei colleghi. Il neo-papà è tornato oggi in ufficio e tutto orgoglioso ci ha offerto il dolce tradizionale con cui si celebra la nascita di un bambino: il beschuit met muisjes.

Come potete vedere dalla foto qui sotto, il beschuit met muisjes altro non è che una fetta biscottata con margarina e degli zuccherini colorati sopra - un ottimo esempio dei gusti frugali e allo stesso tempo "candidi" degli olandesi, il cui entusiasmo per le codette di cioccolato o di zucchero colorato è pari a quello dei bambini.


In realtà, la superficie glassata dei muisjes nasconde degli antipatici semi di anice. Il sapore finale mi ha fatto pensare a un bicchiere di sambuca molto zuccherato, mentre dal punto di vista tattile l'esperienza è piuttosto sgranocchiante. Eppure, nonostante la sorpresa (e la delusione) iniziale (io odio l'anice), il beschuit met muisjes ha rivelato una singolare capacità di assuefazione, tanto che ho finito tutto il biscottone.

La tradizione di questi dolci risale al medioevo, quando il parto era un momento molto delicato, con percentuali altissime di mortalità sia per la madre che per il bimbo. Per questo motivo, quando entrambi erano in salute, si era soliti celebrare lo "scampato pericolo" offrendo dolci ai vicini e ai parenti che venivano a visitare il nuovo arrivato. La tradizione è arrivata indenne al giorno d'oggi, aiutata dal fatto che in Olanda 1 donna su 3 partorisce in casa, quindi i visitatori - non potendo recarsi in ospedale - arrivano direttamente a domicilio, dove è più facile imbastire una piccola merenda.


Anche l'uso dell'anice ha radici in credenze antiche, che volevano che questa piante aiutasse la produzione di latte, facilitasse il ritorno dell'utero alle sue dimensioni originali, e allontanasse gli spiriti maligni.

Quanto al nome, "muisjes" significa letteralmentre "topi", quindi - esatto - beschuit met muisjes significa "biscotto con i topi"! L'etimologia di questa espressione non è chiara. Forse fa riferimento alla fertilità, simboleggiata dai topi che si riproducono velocemente, o forse si ispira alla forma ovale degli zuccherini. C'è addirittura chi dice che "muisjes" sia la forma abbreviata (e ingentilita) di muizekeuteltjes, ovvero...cacche di topo :S


Il colore degli zuccherini va in base al sesso del bimbo: azzurri e bianchi per i maschietti, rosa e bianchi per le femminucce. Si tratta però di una tradizione piuttosto moderna, visto che inizialmente il colore dei maschietti era il bianco, e per molto tempo, fino agli anni '90 circa, si usava addirittura mescolare i due colori in pieno stile "unisex". Esistono anche "edizioni speciali" dei muisjes: ad esempio, quando nasce un erede della casata reale degli Oranje, si mette in commercio una edizione limitata di muisjes arancioni, con cui tutti i cittadini celebrano l'evento. La tradizione è stata lanciata nel 1938, alla nascita della ormai ex-sovrana Beatrice, come trovata pubblicitaria della De Ruijter, la ditta che produce la grande varietà di codette che si consumano in Olanda.

Bambine olandesi celebrano la nascita della principessa Beatrice mangiando beschuit met oranje muisjes, 1938

Oranje Muisjes

lunedì 2 febbraio 2015

Il Luchtalarm

Oggi è il primo lunedì del mese, e come di consueto, a mezzogiorno spaccato, l'Olanda risuona del lamentoso richiamo di migliaia di sirene.

Avete letto bene. Ancora oggi, l'Olanda testa costantemente il proprio sistema di allarme, o luchtalarm. In una nazione piccola come questa, sono ben 4700 le sirene installate, sparse un po' ovunque tra campagna e città, su tetti e su pali, su scuole e su chiese. Tutte quante si accendono all'unisono una volta al mese. Un'abitudine ormai innocua, ma che a me mette i brividi tutte le volte, pensando a quello che una volta rappresentava questo allarme.

L'attuale sistema è stato installato nel 1933, per avvertire la popolazione di raid aerei. Può anche indicare incendi, allarmi nucleari, o altri tipi di pericolo.

L'Olanda pensa anche ai cittadini non udenti, che - non potendo udire la sirena - ricevono un sms sul proprio cellulare in caso di allarme.

La consuetudine di suonare la sirena una volta al mese serve a verificare la funzionalità del sistema, ma anche a mantenere viva l'attenzione della popolazione. Un esempio della mentalità pratica e sistematica della cultura olandese.

Per chi se lo volesse godere, ecco qua sotto un video con il dolce suono delle sirene.


martedì 27 gennaio 2015

I giardini del Keukenhof

Anche se per questa settimana è prevista neve, in qualche modo nell'aria si sente già la fine dell'inverno. Tempo di iniziare a pianificare qualche gita primaverile!

Se avete intenzione di venire in Olanda, segnatevi queste date: 20 Marzo - 17 Maggio.
È il periodo in cui quest'anno saranno aperti i giardini del Keukenhof, uno sgargiante parco che si trova a Lisse, a soli 40 minuti di auto da Amsterdam. Con i mezzi di trasporto potete arrivarci in circa 1h, prendendo il treno fino a Schiphol o Leiden e poi un bus diretto (linea 858 e 854 rispettivamente).

Il Keunkenhof si trova nel cuore della Bollenstreek (Bulb growing region), l'area compresa tra Amsterdam e  L'Aja in cui vengono coltivati i bulbi per cui l'Olanda è famosa. Per questo motivo una buona opzione è anche quella di noleggiare un auto e fare il giro dei campi di tulipani. Ovviamente bisogna prima assicurarsi di scegliere il periodo della fioritura, che varia ogni anno in base alle condizioni climatiche, ma è di solito è previsto intorno alla fine di Aprile. Se il tempo dovesse essere particolarmente caldo o freddo, la fioritura potrebbe anticiparsi o posticiparsi di anche due settimane.

Al Keukenhof troverete sempre fiori, in qualsiasi periodo andiate, perché è talmente pieno di varietà diverse che è sempre periodo di fioritura. L'attuale parco apparteneva in origine al castello di Teylingen, risalente al 15° secolo, che nel 1857 venne trasformato in un giardino all'inglese. Dal 1949, grazie alla collaborazione del comune di Lisse con vari coltivatori di bulbi, il parco ospita l'attuale esibizione annuale.

Il Keukenhof è esuberante, enorme e variopinto. I bulbi vengono disposti con amore e maestria a fine autunno, secondo precisi schemi di colore, a formare enormi disegni e composizioni. Il risultato finale sono accurati accostamenti di colore e forme, che creano uno spettacolo mozzafiato. Sebbene queste aiuole abbiano poco di naturale, data la loro struttura impeccabile, basta avvicinarsi ai singoli fiori per perdere di vista la geometria e perdersi in una distesa di fiori come non ne avete mai viste.

Se possibile, evitate di visitare il parco nel weekend. Come potete immaginare, dato il periodo limitato di apertura, nei giorni festivi è sempre affollatissimo e si rischia di essere sopraffatti dalla folla che accalca ogni panchina, intasa bar e bagni, e immancabilmente farà capolino in tutte le vostre foto...

Ecco qualche foto dell'aprile 2014, quando ho visitato il parco con i miei:





Google Translator